Il premio “Padre Jacques Hamel” del 2020 è stato assegnato al giornalista Pierre Jovanovic

Pubblicato 22 Gennaio 2020 - 09:47

Le giornate dedicate a san Francesco di Sales, che si apriranno questo pomeriggio al Santuario di Lourdes, riuniscono giornalisti cattolici di quasi 30 nazionalità. La Federazione dei Media cattolici ha lanciato nel 2017 il Premio “Padre Jacques Hamel” da assegnare ad un lavoro giornalistico al servizio della pace e del dialogo interreligioso. Quest’anno, il cardinale Philippe Ouédraogo, arcivescovo metropolita di Ouagadougou, presidente del Simposio delle Conferenze Episcopali dell’ Africa e del Madagascar, consegnerà questo premio al giornalista Pierre Jovanovic per il suo articolo “Kayla Jean Muller, martire del bene”, pubblicato nel settimanale La Vie del 7 novembre 2019.

Pierre Jovanovic, scrittore ed autore dell’articolo “Kayla Jean Mueller, martire del bene” apparso sul settimanale La Vie del 7 novembre 2019.

Un premio al servizio del bene

Rapita in Iraq nel 2015, ha sempre rifiutato di rinunciare alla sua fede cristiana. I jihadisti l’hanno assassinata. Il raid americano condotto contro lo Stato islamico nell’ottobre 2019 ha portato il nome di Kayla Jean Mueller, rendendo così omaggio a questa giovane di 26 anni che non ha mai voluto rinunciare alla speranza. Membro di una Chiesa evangelica, Kayla ha prestato la sua opera in India, in Cisgiordania nel mezzo dei villaggi palestinesi, negli Stati Uniti con le donne senzatetto… Durante la sua prigionia in Siria, ha dato prova di un’insolita forza interiore, evidenziata nell’articolo di Pierre Jovanovic“.
Questo articolo potrà essere letto nel comunicato stampa pubblicato martedì dalla Federazione dei Media Cattolici (FMC).

Kayla Mueller

Istituito nel 2017 in omaggio al sacerdote normanno assassinato nel 2016 nella sua chiesa, il premio Padre Jacques Hamel riconosce un’opera (articolo, libro, documentario…) che evidenzi iniziative di pace e favorisca un approccio al dialogo interreligioso.

Padre Jacques Hamel

Questo premio sarà consegnato da sua eminenza il cardinale Philippe Ouédraogo, arcivescovo metropolita di Ouagadougou (Burkina Faso) e presidente del Simposio delle Conferenze Episcopali dell’Africa e del Madagascar, giovedì 23 gennaio a Lourdes, in occasione della 24ma edizione delle Giornate Internazionali dedicate a San Francesco di Sales, alla presenza della signora Roseline Hamel, sorella del sacerdote assassinato a Saint-Étienne du Rouvray il 26 luglio 2016.

Una delegazione dei media della Santa Sede, partner di questo incontro annuale, parteciperà a queste giornate.